Torna alla Home




Scarica il P.O.F. 2005/06


L'Istituto d'Arte propone per l'Anno Scolastico 2002/2003 i seguenti progetti e iniziative. Questi progetti si ritengono efficaci come azioni proposte, coerenti rispetto alle esigenze del territorio, realizzabili rispetto alle risorse.

A dette attività in orario extracurricolare, comprese le visite guidate, non verranno ammessi gli studenti che hanno superato alla data di inizio delle attività il trenta per cento di assenze, salvo il caso di motivi di salute o debitamente documentati.




(terzo anno)

Progetto contro l'abbandono e la dispersione scolastica; coinvolge gli studenti in una ricerca sul patrimonio storico-artistico del loro paese.

Gli obiettivi principali individuati sono:

 documentare gli elementi decorativi, riferiti alle strutture architettoniche secondarie delle abitazioni e degli edifici antichi, collocati in alcuni rappresentativi paesi del Sinis e del Montiferru;

 attività grafico-pittoriche;

 elaborare un itinerario artistico-turistico;

 produrre:

  • i grafici degli elementi decorativi e delle composizioni formali rilevate;
  • i modelli di alcuni elementi decorativi;
  • le schede storico-iconografiche.

Il materiale, sotto forma di ipertesto, in lingua italiana e inglese, con terminologia descrittiva in lingua sarda, sarà raccolto in un CD per una completa lettura e in un pieghevole per una lettura-sintesi, potrà costituire, inoltre, un percorso all'interno del sito Web dell'Assessorato al Turismo della provincia di Oristano.




Progetto con lo scopo di salvaguardare e tutelare la chiesa campestre di San Giovanni dei Fiori di Oristano. Lo studio investirà molteplici aspetti, da quello storico-iconografico a quello urbanistico-ambientale, attraverso un iter progettuale che comprenderà rilievi grafici e fotografici dell'intero complesso, restituzioni grafiche (piante, sezioni e prospetti), la costruzione di un plastico, disegno dal vero ed elaborazioni fotografiche, individuazione degli interventi di restauro con l'ausilio di specifiche consulenze, fino ad arrivare alla progettazione di riqualificazione degli spazi attraverso attività legate alla musica, allo spettacolo, al tempo libero. Il progetto interesserà trasversalmente diverse discipline curriculari.




Il corso ha come obiettivo la conoscenza delle tecniche di base della fotografia e vuole fornire agli allievi, attraverso una seppur breve esperienza, una serie di nozioni fondamentali intesa sia come potenziamento della cultura dell'immagine, tale da determinare un ampliamento del bagaglio delle proprie conoscenze, sia come un ulteriore strumento operativo di supporto alle discipline dell'area artistica: progettazione, storia delle arti visive, educazione visiva e geometria descrittiva.




(tutte le classi)

Presso aziende artigianali, industrie, località di interesse storico e artistico, musei, sedi di congressi, convegni, mostre in Sardegna e nella Penisola da proporre entro il 15 novembre all'interno della programmazione di ogni Consiglio di classe prevedendo anche l'opportunità di far partecipare più classi parallele.




Preferibilmente per le classi prime del biennio sperimentale ed anche per gli studenti più meritevoli del terzo anno do ordinamento l'attività di alternanza scuola-lavoro da la possibilità di mettere in contatto il mondo del lavoro con la scuola e favorisce l'orientamento per le scelte future oltre il diploma attraverso attività di tirocinio da svolgersi presso una rete di aziende: tra fine giugno e fine luglio 2003 si prevede lo svolgimento di uno stage per 15 studenti presso le aziende ed i laboratori artigiani di Deruta (Perugia) e di un secondo presso le aziende del settore legno e restauro della provincia di Cuneo per 12 studenti.
   Il percorso di formazione verrà articolato in due fasi: la prima, preparatoria ( 24 ore) anche con una serie di incontri tra studenti ed esperti del settore artigiano e dell'orientamento al lavoro ed all'auto-imprenditorialità; la seconda destinata al tirocinio della durata di 120 ore lavorative, preceduta da incontri di conoscenza dei comparti delle sedi del tirocinio (16 ore).




 Il servizio di orientamento nel nostro istituto si articola in:

  orientamento d'entrata: è rivolto ai ragazzi delle scuole medie inferiori e consiste in dimostrazioni ed interventi da parte degli insegnanti dell'istituto presso le scuole del territorio per promuovere la scuola e far conoscere l'offerta formativa e gli sbocchi occupativi. Gli insegnanti di sezione con gli alunni frequentanti eseguiranno nei laboratori prove pratiche.

  orientamento d'uscita: (obbligatorio; per le classi prime e seconde del biennio di sperimentazione): negli ultimi due anni, l'Istituto realizza specifiche attività per sostenere il processo di scelta degli studenti e in funzione degli studi universitari e in funzione dell'inserimento nel mondo del lavoro. Per sostenere tale orientamento, la scuola promuove,anche attraverso incontri con esperti esterni, la diffusione di informazioni su:

  • tipologia degli studi universitari;
  • formazione professionale post-diploma.



Il servizio si articola nelle seguenti fasi:

  Prima fase (tempi: inizio anno scolastico (ottobre - febbraio))):
  • intese con i docenti delle scuole medie
  • accoglienza
  • diagnosi, sostegno - sviluppo delle competenze
  • osservazioni, riorientamento e passerelle
  Seconda fase (tempi: febbraio - giugno):
  • analisi esiti scolastici
  • colloqui con i genitori
  • ricerca soluzioni
  • articolazione classi
  • attività in collaborazione con altri istituti e centri formativi professionali
  Terza fase (tempi: fine anno scolastico):
  • esiti finali
  • promozione ( eventuali debiti formativi)
  • crediti
  • rilascio certificati



Il servizio comprende l'orientamento, il supporto e il tutoraggio da attuare in collaborazione della regione, della provincia e dei centri di formazione.
   La scuola, la provincia e i centri di formazione professionale, per gli alunni che compiono nell'anno successivo il quindicesimo anno di età, promuovono incontri di informazione ed orientamento. La scuola, inoltre, per gli alunni soggetti all'obbligo formativo, promuove l'informazione relativa alla prosecuzione del percorso didattico o l'inserimento nel sistema della formazione professionale anche attraverso l'apprendistato.




Il progetto, favorisce l'inserimento degli alunni provenienti dalla scuola media, promovendo iniziative atte a:

 conoscere l'ambiente scolastico;

 conoscere il regolamento d'istituto;

 socializzare a livello interpersonale e di gruppo;

 esprimere la propria creatività.



Adesione ai programmi di intercultura con la progettazione di scambi individuali in ingresso e uscita.




Consiste in una manifestazione per valorizzare le opere realizzate dagli studenti durante il corso dell'anno.




Aiutare l'adolescente nella propria crescita, rinforzando i fattori protettivi come l'autostima, l'autocontrollo, le prospettive ottimistiche, la capacità d'interazione sociale, la qualità della vita secondo una strategia di prevenzione. Realizzare iniziative di promozione alla "salute" e di valorizzazione della persona, entro le dimensioni del tempo scolastico perchè siano attività formative a tutti gli effetti. Destinato a tutti gli alunni dell'Istituto con interventi di esperti interni ed esterni e specialista psicologa.




Possibilità di colloquio personale con la psicologa su problemi di disagio personale previa richiesta riservata. Gli incontri hanno periodicità settimanale.




Il progetto ha lo scopo di sollecitare la curiosità degli allievi attraverso richiami programmatici e visivi, organizzare la visione dei films ritenuti alla formazione scolastica, organizzare dei percorsi di lettura che facilitino l'approccio al testo scritto, proporre la biblioteca come luogo dove si svolgono attività alternative all'insegnamento della religione e prevede corsi di base per l'utilizzo dei materiali multimediali, incontri con scrittori contemporanei, concorsi di scrittura.




Progetto per la realizzazione di un percorso all'interno del museo Antiquarium Arborense a favore degli alunni, degli studenti e delle persone non vedenti da realizzare con la collaborazione dell'amministrazione comunale e provinciale di Oristano e dell'ufficio sostegno alla persona dell'ufficio scolastico provinciale di Oristano.




Il progetto si affianca al programma scolastico dell'insegnamento della Religione Cattolica, che si propone di presentare il Cristianesimo come elemento portante della nostra cultura e di fornire alcuni strumenti interpretativi dei segni religiosi presenti nell'ambiente in cui si vive. Il progetto prevede quattro obiettivi specifici: far acquisire le conoscenze storico-artisitiche necessarie per inquadrare l'opera e l'ambito culturale che la ha prodotta; educare alla lettura dell'immagine e all'analisi formale (composizione, figure, colori, ecc.); fornire gli strumenti per l'interpretazione iconografica e iconologica e per l'acquisizione del messaggio spirituale (contenuto teologico e fondamento biblico).




Attività aggiuntive di insegnamento e non insegnamento per predisporre elaborati e opere ai fini della partecipazione a significativi concorsi di rilievo e di interesse dell'Istituto, selezionando opportunamente sia il numero sia la qualità delle rassegne.




Produzione di oggetti in argilla grigia e terraglia per il laboratorio di decorazione ceramica: destinatari del progetto sono le classi interessate alla realizzazione di forme decorate di ceramica. Il progetto ha lo scopo di far conoscere agli studenti le tecniche di base della lavorazione della ceramica, utilizzare in modo produttivo le attrezzature disponibili nei laboratori di ceramica della scuola, ottenere sensibili economie nella produzione di materiale didattico rispetto all'acquisto dello stesso materiale in aziende esterne, possibilità di realizzare forme diverse, consone e adattabili alle esigenze didattiche del laboratorio decorazione ceramica e prevede lezioni frontali su argomenti a carattere generale, lezioni-laboratorio con esperienze diretta sulle tecniche di lavorazione della ceramica, realizzazione di oggetti con diverse tecniche di foggiatura e formatura.




Favorire la partecipazione di tutti gli studenti dell'Istituto all'iniziativa nazionale con lo scopo di familiarizzare con la materia cogliendone anche l'aspetto ludico.




ScuntrArt - Vivere la minoranza oggi: la valorizzazione della diversità attraverso l'arte vuole coinvolgere istituzioni di altre realtà di minoranza che intendano approfondire la tematica della valorizzazione delle culture minoritarie presenti in Italia attraverso la molteplicità delle espressioni artistiche. L'obiettivo principale del progetto è la promozione della collaborazione fra gli istituti d'arte della Val Gardena, della Val di Fassa e di Cortina d'Ampezzo e altrettanti istituti d'arte di Oristano e di Alghero, creando una rete di collaborazione e scambio che porti ad arricchire le singole specificità ed a rafforzare i propri punti di forza in un contesto di riscoperta e valorizzazione delle culture minoritarie in Italia. Nel contempo intende creare una rete di conoscenze fra i docenti e fra gli studenti che permetta uno scambio di idee per dare nuovi impulsi creativi agli stessi istituti.

Nell'ambito delle molteplici tematiche che possono essere approfondite per attuare una riscoperta ed una valorizzazione delle minoranze linguistiche e culturali, considerate le particolarità delle minoranze presenti nel progetto (status giuridico, identità culturale, ecc.), nonchè la variegata appartenenza culturale dei docenti e degli studenti e studentesse degli istituti coinvolti, si propone una tematica che potrà essere interpretata sotto molti aspetti e che potrà coinvolgere tutti gli studenti: da un lato l'analisi della diversità derivante dall'appartenenza ad una minoranza linguistica e culturale, dall'altro l'analisi della diversità derivante dal ridentifýcarsi o meno in un particolare contesto sociale, politico, artistico, religioso,ecc...

Gli studenti e le studentesse approfondiranno la tematica sulla base del programma didattico, nei modi e nei tempi stabiliti dai singoli istituti sulla base delle indicazioni di massima del progetto e produrranno degli elaborati artistici che saranno inseriti in un CD Rom e in un sito internet dedicato al progetto.

La seconda fase del progetto ScuntrArt si svilupperà nel corso dell'anno scolastico (2002-2003) coinvolgendo le classi quinte dell'anno scolastico in corso.

Il progetto si articola in:

 due incontri fra i docenti degli istituti per approntare e definire nei dettagli il progetto (analisi e verifica degli interessi e degli obiettivi comuni);

  due incontri residenziali (uno nelle valli ladine e uno in Sardegna) destinati agli studenti e alle studentesse di tutti gli istituti con la presenza di artisti e critici d'arte;

  presentazione del prodotto finale (sito internet, CD Rom).

Istituzioni coinvolte:

  Intendenza per la scuola delle località ladine - Bolzano

  IRRE - Sardegna

  Regione Trentino-Alto Adige - Trento

  Regione Sardegna - Cagliari

  Istituto d'Arte - Ortisei e Selva (provincia di Bolzano)

  Istituto d'Arte - Pozza di Fassa (provincia di Trento)

  Istituto d'Arte - Cortina d'Ampezzo (provincia di Belluno)

  Istituto d'Arte - Oristano

  Istituto d'Arte - Alghero

  Minoranze

  Minoranza ladina dolomitica

  Minoranza sarda

  Minoranza catalana di Alghero

Organizzazione

II coordinamento del progetto sarà assunto dall'Intendenza Ladina di Bolzano in collaborazione con IRRE Sardegna che cureranno gli aspetti generali e comuni del progetto. Ciascun istituto disporrà di almeno due docenti che cureranno tutti gli aspetti riguardanti il proprio istituto (programma e collaborazione interna, partecipazione alle riunioni con gli altri istituti, collaborazione e partecipazione agli stage, ai lavori preparatori, nonchè la collaborazione relativa alla predisposizione del sito e del CD).